Cerca nel blog

Traduci - seleziona lingua

Biscotti spaventosi per Halloween . . .



biscotti per Halloween



Domenica  scorsa io e i bambini abbiamo passato parte del pomeriggio a decorare i biscotti di frolla a tema Halloween e ci siamo  divertiti molto. 
Va beh! . .  alle 11 della sera stavo ancora pulendo la cucina, ma questo è un dettaglio trascurabile :)


In casa non avevamo molti coloranti e prodotti specifici per cui ci siamo un po' arrangiati, alcuni colori non sono venuti bene quanto avremmo voluto, ma  la cosa  impostante era fare qualcosa di divertente con loro e ci siamo riusciti.

Fede e Marti non  vedono l'ora che arrivi domani per magiare tutti i dolcetti spaventosi (come le dita di strega, i ragni e altri)  e per  mascherarsi da "mostri".



Ecco i nostri biscottini :

biscotti di frolla per Halloween








La base è una  frolla in cui ho leggermente aumentato la quantità di zucchero per renderla più friabile e aggiunto un paio di cucchiai di miele per dare aroma e consistenza.


Biscotti di Halloween

ingredienti per 20 biscottini


300 g  di farina 00
150 gr di zucchero semolato
2 cucchiai di miele (io ho meso il millefiori)
140 gr di burro
un pizzico di sale
1 uovo intero
2 tuorli


Decorazioni  



ghiaccia reale

1 albume
160 g circa di zucchero a velo
qualche goccia di limone
colorante q.b.

per le zucche ho usato del marzapane (che avevo già pronto) colorato di arancio 

per i dettagli dei fantasmini e gatti : il cioccolato fondente fuso e i confettini di zucchero argentati.

Preparazione


Impastare la frolla unendo burro freddo a pezzetti e farina, a cui unisco il sale. 
Aggiungere zucchero e poi l' uovo e i rossi, il miele e lavorare velocemente facendo un panetto.
Lasciarlo riposare in frigo almeno mezz'ora.
Tirare una sfoglia e ritagliare i biscotti  con le formine. 
Cuocere a 180°c  per circa 10 minuti, devono rimanere appena dorati.
Lasciarli raffreddare sulla teglia e poi decorare  (per la preparazione  della ghiaccia vedete qui).


Felice Halloween a tutti !!!. . . noi ci concediamo qualche giorno di vacanza, a presto.

 

 

Con questa ricetta partecipo al contest di Parole di zucchero :

 

  e al contest di Un giorno senza fretta in collaborazione con Micol





Liquore di genziana o genzianella


liquore di genziana o genzianella



Ecco un  liquore molto digestivo la cui antica ricetta si tramanda di generazion e in generazione in molte famiglie, specialmente del centro-sud.
Si tratta di  un liquore con un gusto molto particolare derivato proprio dalla radice di genziana e che da questa trae il suo forte potere digestivo.

Consiglio di berlo a piccole dosi,  soprattutto  dopo  un pasto particolarmente ricco, vi sentirete subito “sollevati”.
Il sapore delle radici di genziana però  è molto particolare e decisamente amarognolo, quindi non sempre piace,  ma per chi ama i liquori fatti in casa ed i sapori forti è l’ideale.

Qualche notizia sulla genziana dal web :


Raccolta e conservazione
  
La radice di genziana va raccolta in primavera. La droga si essicca al sole o in ambiente asciutto ed areato dopo averla pulita a secco e tagliata in piccoli pezzi. La genziana va conservata in luogo asciutto ed in recipienti chiusi, perché igroscopica. La radice essiccata immersa in acqua si rigonfia fortemente diventando flessibile.

Molto importante

RACCOLTA: la raccolta delle radici di genziana è vietata in molte regioni italiane.

Si consiglia di acquistare le radici in erboristeria, sia per evitare possibili intossicazioni (spesso la Genziana viene confusa con la Veratrum album, pianta tossica), ma soprattutto per evitarne la raccolta infatti la pianta di Genziana appartiene a una specie protetta.

Specie botanica: Gentiana luteaL.; Gentiana major; Gentiana vulgaris major.- Famiglia Gentianacee; Genzianee.- Sinonimo Genziana Gialla.- 


Descrizione
La genziana è un'erba perenne; presenta un grosso rizoma ramoso, è alta sino a 1,8 m. Le foglie sono grandi, con picciolo grosso e corto, al suo interno sono presenti nervature molto marcate. I fiori gialli, sono raccolti in piccoli fascetti. Il rizoma e le radici sono di colore grigio brunastro all'esterno, giallastro all'interno. La radice presenta un diametro variabile tra 0,3 e 4 cm ed è raggrinzita longitudinalmente.

Composizione chimica
I principi attivi, amari, contenuti nella genziana sono numerosi, i principali sono: amarogentiana o amarogenzina, gentianina (alcaloide) o gentisina, gentiopicrina o genziamarina (glucosidi). L'amarogentina è la sostanza più amara conosciuta; essa mantiene il sapore caratteristico sino a una diluizione 1 a 50.000. Un recente studio ha stabilito che la massima concentrazione di amarogentina si ha in primavera. Le piante selvatiche a più alto contenuto di principi attivi sono quelle che si trovano a bassa altitudine. Le piante coltivate in pianura sono generalmente più attive di quelle selvatiche. La gentiopicrina, una delle principali sostanze amare contenute nella genziana, si riduce nella droga secca e vecchia per probabili fenomeni di idrolisi enzimatica. 
Proprietà farmacologiche
Gli estratti di genziana mostrano attività toniche, febbrifughe, vermifughe e stimolanti dell'apparato digestivo per l'aumento della secrezione dei succhi gastrici. La genziana è inoltre utilizzata per stimolare l'appetito ed esternamente per la cura delle ferite. Nei prodotti medicinali, la genziana, è impiegata come tonico e come sostanza attiva nei farmaciper la disassuefazione dal fumo. Nella genziana non è presente il tannino e l'amido, ciò comporta un'azione amaro-tonica senza effetti astringenti ed irritanti per la mucosa dello stomaco; da qui la definizione di "amaro puro". Negli alimenti, la genziana, è usata nella preparazione di amari alcolici, nelle bevande analcoliche e nei prodotti da forno. L'uso della genziana è sconsigliata in gravidanza, durante l'allattamento e nei casi di ipertensione. Possono verificarsi avvelenamenti accidentali per via della somiglianza della genziana con il veratro; le due piante, peraltro, crescono contigue. L'assunzione accidentale di estratti o di parti di veratro possono causare: malessere generale, cefalea, vertigini, nausea, vomito diarrea, crampi muscolari e rari ma pericolosi attacchi di bradicardia e ipotensione. La terapia contro l'avvelenamento da veratro è sintomatica. 

dal sito  http://www.salvelocs.it
e per ulteriori notizie molto interessanti vi consiglio di vederre qui : http://www.erbecedario.it


 

 

Liquore di genziana o genzianella



Ingredienti



5 litri di vino bianco secco e di buona qualità
135 gr di radice essiccata di genziana
1 kg di zucchero semolato
1 litro e ½ di alcool 95°c
a piacere si possono aggiungere delle bacche di ginepro o dei chiodi di garofano per aromatizzare, ma nella mia ricetta non li metto

Preparazione



Mettere la radice di genziana nel vino bianco e lasciarla macerare per 40 giorni.
Trascorsi i 40 giorni filtrare bene il vino con un panno di cotone o della garza a maglie fitte, poi sciogliere il kg di zucchero in una parte di questo vino.
A questo punto unire al  composto di vino e zucchero l’ alcool e mescolare  il tutto al restante vino.
Se si desidera affinare il risultato si può filtrare di nuovo.
Imbottigliare ed è pronta per essere consumata, ma è più buona se si aspetta qualche settimana prima di consumarla.
E . . . . buona digestione.

P. S. Per la preparazione di questo liquore un doveroso ringraziamento va alla mia bravissima sorellina Francy che ogni anno la prepara e distribuisce a parenti e amici.

Torta di mele allo yogurt



torta di mele allo yogurt





Se in una uggiosa domenica mattina  vi svegliate con pochissima voglia di fare e una manciata di briciole rinsecchite che alberga indisturbata  nella vostra tortiera preferita, dove di solito fa bella mostra di se qualche buon dolce fatto in casa, non perdetevi d’animo! 

Non tutto è perduto :D

Fate leva sulla vostra forza di volontà e con il minimo sforzo preparerete questa buonissima e leggerissima versione di plumcake rivisitato. 

Un’idea veramente facile e veloce da realizzare , nata per caso , dall’ esigenza di dare lo sfratto a quattro briciole muffite che da troppo tempo avevano preso casa nella mia tortiera e  quella di accontentare un figlio che adora la torta di mele e mi chiede di preparagliene una un giorno sì e l’altro pure.

Torta di mele allo yogurt


Ingredienti


(utilizzare come unità di misura il vasetto dello yogurt vuoto)

2 uova
2 vasetti di farina 00
1 vasetto di farina di riso 
(- facoltativa – si può usare tutta farina 00)
1 vasetto di yogurt bianco dolce
1 vasetto di olio e. v. di oliva o olio di semi di mais
1 vasetto e ½ di zucchero semolato 
1 bustina di lievito per dolci
50 gr di uvetta ammollata e strizzata
1 pizzico di sale
1 bustina di vanillina o un po’ di buccia di limone grattata finemente
5 mele tipo royal gala o  renette
½ cucchiaino raso di cannella in polvere
Il succo di ½ limone
Zucchero a velo q.b. per decorare

Preparazione


Innanzitutto mettere l’uvetta ammollo in acqua tiepida.
Pelare le mele e tagliarle in otto spicchi, metterle in una ciotola leggermente spruzzate di succo di limone.
Versare le uova, lo zucchero e un pizzico di sale in una capiente ciotola.
Montare il composto con le fruste elettriche.
Proseguire incorporando  lo yogurt, l’olio e poi aggiungere un po’ alla volta la farina setacciata con il lievito,  mescolando con delicatezza per non far smontare il composto. 
Unire l’uvetta strizzata,  la vanillina ( o buccia di limone ) e la cannella.
Versare il tutto in una tortiera di 24 cm di diametro e completare ponendo sulla superficie le fettine di mela affondandole leggermente nell’impasto.
Cuocere in forno caldo a  180°c per 30-35 minuti.
Quando è fredda si può spolverare di zucchero a velo.

torta di mele allo yogurt
Buona domenica !!!

Halloween : idee per stuzzichini semplici e veloci 2012 .




Pumpkin, Pumpkin Song

Pumpkin Pumpkin
Let’s  give you some eyes
Pumpkin Pumpkin
Let’s give you a nose
Pumpkin Pumpkin
Let’s give you a scary smile
And now you’re a Jack O Lantern
The ghosts and the ghouls and the witches
They will run a mile
When they see my scary smile
Put me in the window
And I’ll chase the night away
Because I am a Jack O Lantern
I am a Jack O Lantern
I am a Jack O Lantern

Arriva di nuovo Halloween!!


Da qualche anno a questa parte anche in Italia è ormai di moda festeggiare Halloween e tanti ragazzini, emuli dei loro coetanei d’oltreoceano, indossano “spaventosi” travestimenti e bussano agli usci dei vicini pronunciando la famigerata frase “dolcetto o scherzetto”.

Ai miei due “mostriciattoli” piace particolarmente aiutarmi a  preparare  dei dolcetti a tema e addobbare  casa con disegni di teschi, pipistrelli e zucche.


L’ anno scorso sono stati molto apprezzati i biscotti a forma di dita di strega (potete vedere qui) e anche le mummiette, entrambi veramente facili e veloci da preparare e quest’anno abbiamo comprato delle formine per biscotti  a forma di zucca, fantama, etc. e li decoreremo con glassa colorata, poi abbiamo qualche altra idea che metteremo a frutto con poca fatica, il resto viene fuori con un po’ di inventiva e tanta pazienza.


Ecco dei suggerimenti ispirati  a ricette trovate su internet , libri  e riviste di cucina.


Mummie

dolci  si possono realizzare attorcigliando a dei biscotti già pronti (tipo ringo) o fatti in casa una striscia sottile di pasta di zucchero o di mmf bianca mettendo delle caramelline colorate smartie al posto degli occhi (guardate qui che belli questi); 

per la versione salata invece si possono ricavare delle strisce di pasta sfoglia e attorcigliarle mo’ di bende intorno a dei wurstel,  una volta cotti si possono  fare gli occhi con del ketchup (qui).



Ragni

Si può preparare un impasto come quello del salame di cioccolato o delle palline di mascarpone al cacao, rotolarle nel cacao amaro  e rifinire con zampette di liquirizia e occhietti con caramelline rosse; 

ci sono anche i ragni realizzati con  muffincupcaches ai quali fare una copertura di cioccolato fuso o ganache al cioccolato o nutella, magari lasciando la superficie un po’ frastagliata (per farla somigliare al dorso di un ragno)per poi  completare con zampette fatte con biscottini  tipo mikado o  strisce di liquirizia e naturalmente occhietti vari.



Denti di Dracula 

prendere dei biscotti tondi abbastanza grandi tipo cookies e dividerli in due semicerchi senza farli rompere, utilizzando poi delle caramelle marshmallow rosa e bianche con cui fare la forma della gengiva e poi dei denti inserendole tra le due metà di biscotto,  per i canini  bastano dei pezzetti di mandorla o di pinoli.


Fantasmi

fantasmini dal sito di Martha Stewart


 Per dei simpatici fantasmini  si possono sovrapporre dei marshmallow bianchi e poi fare gli occhi neri col cioccolato ;
oppure si possono realizzare con del cioccolato bianco fuso facendo la forma su della carta da forno e poi gli occhi con cioccolato nero (vedete qui).


Bare e lapidi

Fare le bare aiutandosi con una sagoma di cartoncino della dimensione desiderata con cui ritagliare dei brownies o del pan di spagna al cioccolato che poi possono essere decorati a piacere con ghiaccia o confettini di zucchero.



Per le lapidi invece occorrono biscottini quadrati e rettangolari ( per esempio oro saiwa) che vanno poi glassati con glassa bianca o grigio chiaro sui quali , una volta asciutti ,si può mettere la sigla R.I.P. con un pennarello scuro per dolci o del cioccolato fuso e l’ausilio di un conetto di carta forno.

Terreno infestato

Fare dei bicchierini monoporzione di budino al cioccolato, cospargere la superficie con briciole di biscotti al cioccolato (es. pan di stelle) e inserire in ogni bicchierino delle caramelle a forma di vermi o insetti che spuntano fuori dalla superficie.

Bevande raccapriccianti 

Ci sono poi idee per le bibite e qui noi in genere ci limitiamo a versare succhi dai colori stravaganti (es. rosso scuro,  verde acido o giallo quasi fluorescente ) nelle caraffe, completando con etichette con nomi rivoltanti;  anche in questo caso la fantasia non ha limiti purché abbiate uno stomaco abbastanza forte  da riuscire a buttarle giù.

Queste sono solo alcune fra le idee che si possono trovare in giro nel web e che mi sembrano veramente facili e veloci da realizzare, nonchè divertenti da fare anche assieme ai propri bambini.

Ti piace il mio blog? Votalo su net-parade ! clicca sul banner sotto!

siti web

Trovi le mie ricette su gustosaricerca

Gustosa Ricerca – ricette di cucina e motore di ricerca di ricette

Il bloggatore

Petitchef

Ricette di cucina

Riconoscimento Net-parade

sito web

Net parade

indicizzazione nei motori di ricerca

Ho vinto il contest #befanagolosa di Molino Chiavazza

Ho vinto il contest #befanagolosa di Molino Chiavazza
piccole soddisfazioni

Ho vinto il Contest Molino Chiavazza

Ho vinto il Contest Molino Chiavazza
Grazie!!

Contest "Sulemaniche"

Contest "Sulemaniche"
Sono arrivata tra i finalisti !!